NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itQatar

Interviste

Kelly Signorelli-Chaplin: un’italiana presso la QNL

Discorso publico presso la QNL

Donne italiane in ruoli importanti: itQatar intervista Kelly Signorelli-Chaplin.

Kelly cosa ti ha portato a lavorare in Qatar e di cosa ti occupavi prima di venire qui?

Prima di trasferirmi in Qatar lavoravo presso la Publishers Association UK,
l’associazione britannica editori come capo della comunicazione. Tra le mie mansioni era inclusa la partecipazione, in rappresentanza delle case editrici inglesi, agli “anni della cultura” – un progetto internazionale che prevede scambi di cultura tra due nazioni. È un’attività di diplomazia culturale. Lo scambio prevede rappresentanze di arte, cultura, letteratura e quindi scrittori ed editori, teatro, musica e molto altro in entrambi i paesi. Il 2013 era il Qatar-UK Year of Culture, e collaborando con il Ministero della Cultura in Qatar, ho condotto una delegazione di editori inglesi in Qatar. Una delle riunioni che ebbi durante quella visita era con la Qatar National Library, il quale edificio era ancora inesistente a quei tempi. Non avrei mai potuto immaginare che anni dopo avrei lavorato lì! Avevo già una buona conoscenza del Qatar da un mio ruolo precedente, alla casa d’aste Sotheby’s, dove tra le aste di cui mi occupavo vi erano aste in Medio Oriente e quindi anche in Qatar. Infatti la prima volta che visitai il Qatar fu nel 2012. Mi sono trasferita in Qatar inizialmente perché venni reclutata da una delle case editrici londinesi, la Bloomsbury Publishing, che aveva una sede in Qatar e cercavano un capo comunicazione. In seguito la casa editrice chiuse la sede a Doha. Io mi ero adattata bene e mi piaceva già molto abitare in Qatar, e quindi decisi di restare e trovare un nuovo ruolo.

Qual è il tuo ruolo presso la QNL?

Sono la Head of Public Relations and Marketing. Dirigo un team che si occupa di tutti gli aspetti di comunicazione esterna ed interna della biblioteca. Il mio team si occupa di marketing digitale e fisico, di relazioni con la stampa locale ed internazionale di progetti di partnership con altre organizzazioni sia in Qatar che all’estero, eventi, e tutto ciò che possa avere un riscontro con la reputazione della biblioteca.

Come italiana qual e’ stata la tua difficoltà più grande nel tuo lavoro e qui in Qatar (se c’è stata) qual è la tua più grande soddisfazione?

La difficoltà maggiore è stata probabilmente l’adattarsi a lavorare con persone di così tante nazionalità diverse e quindi modi di lavorare e pensare diversi. Giornalmente lavoro con persone di 10 differenti nazionalità. Questa però è stata anche una delle soddisfazioni più grandi – il costante confrontarsi con idee diverse porta a vedere le cose in modi molto diversi e quindi trovare soluzioni e prospettive uniche.

Kelly Signorelli-Chaplin - Visita del Presidente Mattarella presso la Qatar National Library
Kelly Signorelli-Chaplin – Visita del Presidente Mattarella presso la Qatar National Library

È difficile scegliere tra le soddisfazioni, perché sono state veramente tante. Se dovessi sceglierne una, sarebbe probabilmente l’essere stata partecipe all’apertura della biblioteca Nazionale del Qatar: è stato un momento storico per il paese. Fare parte del team che l’ha preparata all’apertura, e l’ha seguita nei suoi primi anni, é stato e continua ad essere un vero onore. Questo è un paese che non ha mai avuto una biblioteca come noi le conosciamo. Quindi il mio ruolo di comunicazione, lo spiegare cosa sia la biblioteca e come funziona, è stato molto difficile ma al contempo molto soddisfacente. Dal punto di vista personale, mi ritengo molto fortunata di avere molti amici qatarini, ed essere stata invitata nelle loro case, feste, e campi nel deserto. Ma la fortuna più grande che mi ha portato il Qatar è stata quella di incontrare mio marito!

Grazie Kelly Signorelli-Chaplin per la tua intervista.

Kelly Signorelli-Chaplin: un’italiana presso la QNL ultima modifica: 2020-11-20T15:22:37+03:00 da Michela Caldara
To Top